Ortodonzia e lifting

image

Non c’è niente al mondo che fornisca corretta estetica dentale come un trattamento ortodontico (ovviamente anche su un adulto, qualora ancora possibile).

Il corretto posizionamento dei denti nelle arcate, fra di loro, il combaciamento, la risoluzione di affollamento, di denti stretti fra loro, storti ed ammucchiati, anche se riguarda un solo dente, è la situazione che garantisce il massimo della estetica.

Una corretta occlusione garantisce profonda ed essenziale salute per tutta la vita, perchè le malocclusioni, viceversa, predispongono fortemente a degrado dell’ambiente orale per aumento di carie, perdita precoce dei denti per l’instaurarsi di piorrea in giovane età, difficoltà di masticazione e digestione, e tutta la serie dei possibili, gravi, DCM, disturbi cranio-mandibolari che possono comportare tensioni muscolari, dolori alla articolazione temporo mandibolare, cefalee, disturbi del sonno, difetti della postura della colonna vertebrale e tutto quello che è descritto nei miei articoli.

Bisogna rivolgersi sempre allo Specialista in Ortodonzia perchè questo garantisce la terapia adatta, mirata al raggiungimento non di un miglioramento instabile, ma di una perfezione stabile e quindi mette al riparo dalla cosa peggiore che può succedere cioè la recidiva, ovvero che poi, finito il trattamento, si spostino di nuovo i denti.

Le malocclusioni in molti casi hanno una profonda influenza sulla bellezza del viso.

Cioè non si tratta solo di denti “storti” e di bellezza del sorriso e dei denti stessi.

Nelle malocclusioni complesse, dove c’è una componente ossea scheletrica evidente ci può essere una componente antiestetica che riguarda il viso nella sua interezza.

  • In un cross byte (morso inverso) unilaterale, si sviluppano notevoli asimmetrie della mandibola, degli zigomi, dei muscoli, con evidenti differenze fra la parte destra e quella sinistra del viso. Addirittura la parte superiore del viso, gli occhi, possono avere una posizione asimmetrica.
  • In un open byte, c’è una incompetenza delle labbra che rimangono perennemente aperte. Questo dipende anche e soprattutto dalle abitudini viziate che sono alla base di questo tipo di malocclusione, come la deglutizione infantile. Il viso si allunga e molti muscoli mimici sono ipotonici perchè c’è un complesso disordine degli orbicolari, del buccinatorio e di tutta una serie infinita di muscoletti coinvolti nel disordine motorio.
  • In una III classe avremo la sporgenza del mento e viceversa la rientranza del labbro superiore per la ipoplasia del mascellare superiore che si accompagna alla III classe. Quindi per una femmina, le belle labbra che devono essere lievemente naturalmente sporgenti, in questo caso possono essere contratte e sottili.
  • Una II classe provoca sporgenza dei denti superiori e talora interposizione del labbro inferiore che quasi scompare sotto al superiore. Il mento può essere sfuggente e minuscolo. Spesso poi, come già detto, alle malocclusioni si associano ben precisi difetti di postura, ad esempio una II classe si può associare ad un atteggiamento della schiena e del collo curvo con le spalle in una postura quasi dimessa e ad incrocio.
  • Altri difetti ortodontici sono la biprotrusione dei denti o la biretrusione, ovvero un difetto della giusta inclinazione reciproca degli incisivi inferiori e superiori fra loro. Questo si ripercuote nettamente nell’atteggiamento delle labbra e quindi nella bellezza stessa del sorriso anche nella componente dei suoi tessuti molli.
  •  Infine molte rughe che si vedono estremanente nella metà inferiore del viso dipendono proprio dalla posizione dei denti che non è quella giusta. Ma anche alcune delle altre zone del viso dipendono da contratture muscolari o anomalie del trofismo dei muscoli che sono alterati nei cicli masticatori a causa di una malocclusione.

 

Si capisce bene come una malocclusione influisca profondamente in tantissime cose relative all’estetica e alla funzione e alla salute.

Dunque, mettere l’apparecchio ad un bambino, come pure rieducarlo ad una corretta funzione deglutitoria e articolatoria, previene in lui il desiderio in età matura di dover fare tante correzioni estetiche, anche chirurgiche, nell’inseguire la bellezza cui tutti tanto teniamo..

E possiamo capire anche come un trattamento ortodontico e miofunzionale in età adulta possa contribuire enormemente alla bellezza e prevenire altre contromisure come il lifting,  ricordiamoci che sia pure in maniera enormemente più lenta e minore, l’osso si rimaneggia anche nell’adulto e i muscoli si ristrutturano in base alla corretta funzione, masticatoria ed occlusale.

Aspirare a migliorare il proprio sorriso non è da inserire nelle mode consumistiche, ma è una esigenza del tutto comprensibile e la moderna ortodonzia nelle mani di uno Specialista di Ortodonzia potrà regalarvi un nuovo sorriso! 

}